Associazione artistica culturale ARTEXXIS 

Cod. Fiscale 90028680131 e-mail: artexxis@tiscali.it

Casella di testo: Casella di testo: L’associazione Artexxis senza scopo di lucro, nasce a Vertemate con Minoprio, un paese della bassa comasca nel 2008, con la finalità di divulgare in ogni modo e mezzo le attività artistiche e culturali del territorio lombardo.
 Artexxis è costituita da artisti, studenti e appassionati d’arte che vivono, studiano e lavorano nel territorio.
The cultural nonprofit association Artexxis was born in 2008 in Vertemate con Minoprio, a small town south of Como, with the goal of promoting through any method and means the artistic and cultural activities of the Lombardy region.
Artexxis if formed by artists, students, and art lovers who live and work in the area. 
Casella di testo: CHI SIAMO
Casella di testo: EVENTI
Casella di testo: ATTIVITA’ ART.
Casella di testo: NEWS
Casella di testo: Foto

Omaggio 150° Unità d’Italia

Casella di testo: ARTEXXIS : “ARTE del XXI (ventunesimo) S (secolo)”

All’interno della parola ARTEXXIS si rivela una figura che punta una freccia verso l’alto. Essa simboleggia la dea che nella mitologia greca era conosciuta con il nome di Artemide mentre nella tradizione romana era chiamata Diana.

“E’ probabile che Diana, che rappresenta gli aspetti virginali e sovrani della più antica mitologia italica si sia identificata con il culto di una divinità celtica continentale il cui nome somigliava al suo e che doveva essere vicino alla Dé Ana o dea Ana irlandese, madre degli dei e patrona delle arti.” (CELT,15,328)
(Dizionario dei simboli di Jean Chevalier e Alain Gheerbrant)


ARTEXXIS also to be read “ARTE del XXI (ventunesimo) S (secolo)” (Art of the twenty-first century)

Within the word ARTEXXIS the image of a woman pointing an arrow is shown. That symbolizes the goddess that in the Greek mythology was known as Artemis while in the Roman tradition she was called Diana.

“It seems likely that Diana, that symbolizes the virginal forms of the more ancient Italic mythology, was probably identified with the worship of a Celtic continental divinity whose name was similar to hers, and that cult had to be close to “Dé Ana” or Irish goddess Ana, mother of Gods and patroness of the ARTS.
(CELT,15,328) 
(“A Dictionary of Symbols” by Jean Chevalier and Alain Gheerbrant)